I colori di Paola

564
©Nicola Bortolussi

Paola vive con Nicola, in città, in una piccola mansarda concentrata di oggetti belli, particolari e pensati. Tra una lezione e l’altra di italiano e latino, Paola ama rinnovare mobili e oggetti anche recuperati da una soffitta. Uno stile ben noto in Francia, ma che lei ha personalizzato ulteriormente. Gusto soft con tratti piccanti all’occasione… difficile non amarlo.

©Nicola Bortolussi
©Nicola Bortolussi

Paola, come definiresti il tuo stile nell’arredare con tre aggettivi?
«Io non mi occupo propriamente di arredare, piuttosto di rinnovare, conservando ciò che si possiede… È quindi più un restyling, un recupero… Gli aggettivi potrebbero perciò essere versatile, eclettico e… saggio. “Poca spesa, molta resa”, come si dice al sud».

©Nicola Bortolussi
©Nicola Bortolussi

E anche, come descrivi, te stessa sempre con tre aggettivi?
«Ottimista, positiva, fantasiosa (ma senza esagerare)».

©Nicola Bortolussi
©Nicola Bortolussi

I mobili che hai scelto da dove vengono?
«I mobili di casa mia sono la sintesi del gusto mio e di mio marito (che si occupa – lui sì – di decorazione d’interni), scelti nel corso degli anni e rinnovati quando si ha avuto voglia di qualcosa di nuovo. C’è un po’ di tutto: pezzi di design, soprattutto per quanto riguarda l’illuminazione, piccoli mobili di mercatino, che io ho decorato, qualche mobile su misura (viviamo in una mansarda!) e persino qualche cosa di Ikea (why not?)»

Qual è la parete di casa che preferisci?
«Adoro la nostra mansarda, è piccola, ma così confortevole e romantica. La mia parete preferita è in camera da letto: è decorata con una serie di foto di fari, scattate da Nicola durante le vacanze e incorniciate con vecchie cornici, comperate nei mercatini e dipinte in stile shabby chic».

©Nicola Bortolussi
©Nicola Bortolussi

Dove vorresti invece cambiare qualcosa? C’è qualcosa che manca?
«Come ho detto, quando abbiamo voglia di un cambiamento, procediamo… è il vantaggio di una casa piccola! Certo, avere un piccolo giardino sarebbe meraviglioso»

Dove ti metti a leggere un libro?
«A letto, sicuramente. E quando alzo gli occhi dal libro guardo i fari…»

©Nicola Bortolussi
©Nicola Bortolussi

Quando arredi le case degli altri, quali sono le tue regole base nel scegliere i colori?
«Io amo i colori chiari, un po’ nordici, le sfumature del bianco, del grigio, il mauve… Comunque non cerco di imporre i miei gusti, i colori, se ben mescolati, sono tutti belli e ognuno ha diritto di vivere in mezzo ai colori che preferisce».

Il tuo colore preferito?
«Forse il mauve…ma non so fino a quando… C’è stato un periodo in cui ero per il “tutto bianco”, ma ho amato anche molto l’arancio anni ’70. Insomma, credo nel cambiamento».