Elisabetta, maga delle feste

1387
Foto di famiglia
Elisabetta con Daniele, Beatrice, Letizia e la piccola Evita, qui ad una festa di famiglia in giardino. ©Chiara Coppa

La casa è quasi finita, era di famiglia e aveva tutto un altro aspetto. È stata ridisegnata creando dei grandi spazi per ricevere persone, amici e la sua famiglia che già è numerosa. Ma ciò che si nota a un primo sguardo entrandoci è l’ordine e l’essenzialità. I fronzoli, i decori e l’eccesso di oggetti infatti hanno già parecchio spazio nel suo lavoro: Elisabetta fa la wedding planner e l’organizzatrice di eventi. La casa l’ha creata più riposante come look. I colori che le piacciono di più ora sono quelli neutri. Quelli forti, particolari, nel tempo possono non piacere più.

gli oblò-specchio nella sala
©Chiara Coppa

La tua stanza preferita?
«La sala. L’ho pensata a patto che non avesse come centralità la tv, che c’è ma non è protagonista».

E dove lavori?
«Nel mio studio, dove ho recuperato alcune cose che c’erano già nella casa originale, svecchiandole e riadattandole».

C’è un marchio, un negozio in particolare dove compri gli oggetti?
«Le suppellettili sono di impulso, quando mi piacciono molto le compro. Preferisco un misto di scelte, altrimenti le case sembrano dei cataloghi».

Qual è l’ingrediente primario per una festa?
«Il cibo».

P1010961

E a casa, la cosa a cui sei più attenta?
«Sono molto attenta alla cucina, anche ad un aperitivo per me e mio marito, quando torna la sera. E poi adoro i rituali: sono coccole per i rapporti personali. Fare felici gli altri mi piace».

Un luogo dove vorresti andare che non hai mai visto?
«Il Messico: sole, mare, cucina interessante».

Come ti vesti ad un primo incontro con i futuri sposi?
«Un look non troppo formale: jeans, camicia bianca e giacca per esempio».

Scrittoio panna e rosa
©Chiara Coppa

Una cosa sulla quale ti concedi un lusso extra?
«I ristoranti».

Invece per lo shopping vestiario?
«Compro quasi tutto online… Ma tra un paio di scarpe e un’alzata in vetro, scelgo la seconda!».